Essere cool in 10 punti

Stare a New York è stupendo. Anche solo trascorrere 15 minuti in metro è un’esperienza indimenticabile. Tutto questo, grazie alla gente. I newyorkesi sono spettacolari, hanno tutti un look unico e sembra di stare a una grande sfilata a cielo aperto. Non stupisce che siti come The Sartorialist ci abbiano costruito un business intorno. Guardare la gente seduta accanto a te in metro o che cammina velocemente per strada è fonte inesauribile di spunti oltre ad essere, inoltre, un modo economico per sapere quali saranno i trend dei prossimi mesi senza comprare una pesante copia di Vogue.

Ecco cosa ho notato in questi mesi di attentissima osservazione del prossimo mio.

1) scarpe: vanno alla grande i classici Ugg o i polacchini hipster (con i lacci da annodare intorno al collo del piede) per l’inverno e ora che si avvicinano i climi miti qua vanno alla stra-grande i mocassini tipo squaw di Minnetonka, le francesine stringate di pelle e tela e le Toms Shoes, delle deliziose scarpine di tela con suola di gomma, vagamente stile espadrillas, molto fresche ed estive in migliaia di colori e fantasie. Hanno anche variazioni sul tema con lacci e zeppa. Qua tutti i piedi, sia di donne che di uomini, paiono possedere delle Toms. Prendetele per non restare tagliati fuori.

2) borse: va alla grande, per ogni sesso, lo zainetto vecchio stile, tipo scalata in montagna nel 1923. Di tela ruvida con bordi e fibbiette di pelle e tascotte esterne. Molto vintage. In colori naturali, come sabbia e oliva, qua è veramente un’ossessione

Si nota anche una cospicua invasione di Longchamp, la borsa di tela impemeabile super semplice che si ripiega su se stessa. Chic e a poco prezzo, qua la portano in colori base (rosso, blu, nero, marrone) e gigantesca.

3) jeans: sempre attillatissimi, sia per donne che per uomini. Oppure molto strappati.

4) stile: il vintage qua è il re assoluto di qualunque look. Cappottoni, felpe fluo e calzini bianchi coi mocassini anni ’80; montoni, jeans a zampa e fiori nei capelli molto ’60; camicie attillate in acrilico e stivaletti di cuoio consumato e bisacce che rimandano ai ’70. I negozi di vestiti usati sono davvero a ogni angolo. Alcuni sono delle istutuzioni come Buffalo Exchange (East Village, Chelsea e Williamsburg) o Beacon Closet (Williamsburg e Park Slope). Altri propongono solo super marchi tipo Chanel come la Angela’s vintage boutique sulla Bowery. Insomma, se avete l’ultimo paio di jeans, o l’ultima maglietta di Abercrombie non siete dei veri new yorker ma la brutta copia di Sex and the City. Lame!

5) cani: anche gli amici a quattro zampe hanno la loro bella importanza nel definire lo stile di un newyorkese. Però, se scegliete un cane di piccola-media taglia, è bene che ve lo portiate anche sulla metro, possibilmente in una borsa grande dalla quale uscirà la testa della vostra bestiola. Oppure, se non siete amanti del sollevamento pesi, esistono anche dei trolley appositamente pensati per cani, provvisti di una patta fatta a rete che permette loro di respirare e non essere visti.

Non si vedono tanti vestitini per cani, però: quella dev’essere una passione dei californiani come Paris Hilton. In compenso, in inverno, tutti avevano le scarpine anti freddo e anti scivolo!

6) beauty: qua vanno per la maggiore i capelli lunghi parecchio anonimi, selvaggi o perfettamente lisci, per le ragazze e i capelli corti ma col super ciuffone spettinato per i ragazzi. Molto cool!

7) occhiali e altri accessori: sempre e solo Ray Ban, sia da vista che sole, con montature grandi a televisore, molto spesse e colorate.

Vanno tantissimo le cuffie per ascoltare il vostro mp3 player. Le cuffie grandi, vecchia maniera. Sono molto popolari le Burton (della stesso marchi della attrezzature da snowboard) che sono di linea moderna, monoblocco e molto stilose. In minoranza si vedono gli auricolari in colori fluo che hanno anche il filo in tinta.

8) skate: se hai tra i 12 o i 30 anni, muoviti per la città con lo skateboard. Eco ed estremamente figo!

9) beauty: qua lo smalto va di bestia. Se non hai le unghie pittate sei praticamente un paria. E mica le unghie rifatte col gel o quelle fine o quelle con gli adesivini e cose del genere. Semplice smalto. Meglio in colori tipo tortora o grigio e ancora meglio, per l’estate, in colori fluo con un’unghia a contrasto. Cioè, per dire, 9 unghie gialle e una rosa shocking. Imparate!

10) menefreghismo: una componente essenziale di chi vive a NY è essere indifferenti a tutto. Pesi 130 chili e sei stretta in un mini abito aderente a righe gialle e bianche, con mini gonna e scollatissimo, e il tuo ragazzo ti infila per gioco una lattina di coca tra le tettone. Nessuno ci bada. Anche se la tua coscia è grossa come me.

Hai i capelli fucsia lunghi fino al sedere? Hai deciso che il femminismo prevarrà e quindi hai mezzo metro di peli sotto le ascelle? Hai la cellulite peggiore dell’universo e metti leggings bianchi? Sei alta 1,85 e metti i tacchi 15? Metti la minigonna inguinale con le autoreggenti a vista? Porti i collant tutti strappati ad arte? Sei tuatuata completamente, su collo, petto braccia e metti top scollati? Ma sì, chissenefrega! Se a Torino ti guardano come un alieno, qua non gliene fa un baffo a nessuno, manco ai vecchietti. Come siamo provinciali noi!

Applicate pedissequamente questi consigli di figaggine e sarete come un perfetto new yorker!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Who are we?

  • Here’s the answer!

%d bloggers like this: