Vola Lady Gaga vola!

Volando sul pubblico vestita con quello che ho definito un abito da infermiera satanica, Lady Gaga è entrata in scena al concerto gratuito organizzato dal tv-show mattutino Good Morning America per festeggiare la bella stagione.

Almeno 5.000 persone asserragliate a Central Park, per il breve show con 5 canzoni che è iniziato alle 8 del mattino e che era anche in diretta tv. I fedelissimi hanno passato la notte accampati fuori dall’area concerto, altri sono arrivati verso le 5, noi ce la siamo presa comoda e ci siamo presentati alle 7.15.

Eravamo molto indietro, di Lady Gaga vedevamo solo la parrucca mezza nera e mezza castana (che abbandona sul piano quando canta il lentone), i suoi balletti sincopati e poco altro. Ma arrivava forte e chiara la sua bellissima e potente voce che ci ha emozionato, tra le altre, con Bad Romance, Judas, e Born this way.

La folla ondeggiava la mani a forma di artiglio e si era vestita di tutto punto: abbiamo notato varie teste con lattine come bigodi (di cui la migliore è quella di una bimba di 4 anni circa con tanto di vestito con mega spalline, occhiali da sole e trucco glitter), molte zeppe, tantissimi occhialoni da sole, cotonature, catene, riferimenti religiosi e bikini sfoggiati con orgoglio, anche se eravamo in piena NY e anche se era mattina.

Levataccia e ressa indicibile non intaccano il nostro bilancio finale: era davvero un’esperienza da provare.

Seguite questa GMA Summer Concert Series, perché presto arriveranno Florence and the Machine e Beyoncè.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

  • Who are we?

  • Here’s the answer!

%d bloggers like this: